Medical

In a constantly changing cosmetic regulatory landscape, we have left behind a year full of innovations.

Here’s what happened in the main markets and what awaits us in the future.

EU (Reg. (EC) 1223/2009)

The European Union continues to have one of the most stringent yet landmark cosmetic regulations in the global regulatory landscape. In the coming years there will be several updates regarding the EU regulation:

– Extension of the automatic ban on certain substances classified in the CLP regulation, as is already the case for CMR substances

– Review of exemption criteria through waiver for these bans

– Alignment of the definition of nanomaterial

– Integration of the SCCS within ECHA

– Introduction of the optional digital label for part of the information to be displayed on product packaging

– Creation of a link between CPNP and custom databases to verify notification of imported products

 

UK

After Brexit, as of December 31, 2020, the new UK Cosmetic Regulation came into force in the UK, which basically takes over the European regulation.

The SCCS has been replaced with the SAG-CS, which is currently mirroring the SCCS by adopting the same restrictions as the EU with some delays.

 

US (MoCRA)

The introduction of the new US regulation for cosmetics (MoCRA) has been the hot topic of 2023.

The changes introduced by MoCRA are:

– Registration of facilities with the FDA

– Registration of cosmetic products with the FDA

– Testing and studies to support the safety of cosmetic products

– Reporting, review, correction, and recording of adverse events

– Labeling of allergens

– Introduction of cosmetic GMPs

– Mandatory recall of products from the market and suspension of production sites when required by the FDAIn the US, the responsible person is the brand owner, even if it is established outside the US.

Registration of facilities (establishments where the product is manufactured, packaged or otherwise processed) must be updated within 60 days renewed every 2 years, while the product list must be updated within 120 days renewed every year. Both the registration of facilities and the ingredient list can be done on the appropriate FDA portal.

According to the FDA, the European CPSR will be acceptable for demonstrating safety, while still awaiting updates from the FDA regarding allergens to be declared on the label and GMPs to be applied to manufacturing.

For more information on U.S. cosmetic regulation and how to bring your cosmetic products into compliance in the United States: https://www.chemsafe-consulting.com/2023/05/09/panoramica

 

China (CSAR)

No big news regarding the Chinese regulation. The new regulation recently came into full effect.In fact, May 2023 was set as the deadline for reporting safety information of cosmetic ingredients, both for existing and new products. For more information on China’s cosmetic regulation and how to bring your cosmetic products into compliance in China: https://www.chemsafe-consulting.com/2023/03/28/cosmetici-in-cina-cosa-ce-da-sapere-sul-nuovo-regolamento/

In a landmark decision, the European Commission, on December 5, 2023, has officially designated five European Union Reference Laboratories (EURLs). These laboratories are entrusted with a crucial role in the conformity assessment of high-risk in vitro diagnostic medical devices (IVDs), specifically class D devices.

 

The Role of EURLs

These newly appointed EURLs will play a pivotal role in assessing the compliance of class D IVDs, which include devices for critical health issues like Hepatitis, Retroviruses, Herpesviruses, Bacterial Agents, and life-threatening Respiratory Viruses. In addition to conformity assessment, these laboratories will also provide advisory services to further elevate the standards in this sector.

 

Transitional Arrangements and Implementation Timeline

The European Commission has thoughtfully included transitional arrangements to facilitate the smooth integration of these EURLs. This involves creating a harmonized network and allowing manufacturers and notified bodies to align their processes with the EURL testing protocols. These labs are scheduled to commence their assessment duties from October 1, 2024.

 

Minimizing Disruption in Conformity Assessment

To ensure a seamless transition, the act stipulates that only new applications submitted post-transition period will undergo performance verification by the EURLs. Furthermore, for devices already bearing the CE mark under Regulation (EU) 2017/746, batch testing will commence after the transitional period, ensuring stringent control over these IVDs.

 

Background and Responsibilities of EURLs

The EU reference laboratories, as outlined in Regulation (EU) 2017/746 Article 100, are responsible for verifying class D devices’ performance and compliance with common specifications. They also conduct batch testing based on requests from notified bodies. Beyond testing, these labs offer scientific and technical support to various EU bodies, contribute to the development of testing methods, specifications, and international standards, and recommend reference materials and measurement procedures. Collaborating with notified bodies, they play a vital role in establishing best practices for conformity assessment and manage a network of national reference laboratories.

 

Selection Process of EURLs

The Joint Research Centre (JRC) of the European Commission, under the guidance of DG Health and Food Safety (DG SANTE), coordinated the meticulous selection process. Following a call for applications in July 2022, Member States submitted applications for 8 categories of class D devices. The selection process involved a two-step verification and assessment, culminating in the appointment of five laboratories based on their capabilities and adherence to selection criteria.

 

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/HTML/?uri=OJ:L_202302713

Where we stand with MDR and IVDR

European regulations about Medical Devices (Reg. EU 2017/745) and In-vitro Diagnostics (Reg. EU 2017/746), since their publication in 2017, have undergone several extensions. Initially due to COVID-19 pandemic and then because of the lack of an adequate number of Notified Bodies, which are appointed to the evaluation and approval for MD and IVD technical files. Those delays have potential impacts on Medical Devices and In-vitro Diagnostics availability for end-users.

With last extensions approved by European Commission, it is expected that new Medical Devices and In-vitro Diagnostics produced and made available on the market will be compliant no longer with the Directive, but only with the Regulation no later than 2029.

 

What is new about DEHP

In order to line up with new extensions, on November 13th, 2023, the European Commission published Regulation (EU) 2023/2482, which modified the Annex XIV of Regulation (EC) 1907/2006 (REACH).

This regulation extends the latest application date for authorization to use Bis(2-ethylhexyl) phthalate (DEHP) in Medical Devices and In-vitro Diagnostics.

DEHP is a phthalate used ad plasticizer and is listed in Annex VI of Regulation (EC) No 1272/2008 (CLP Regulation) as a Repr. 1B (H360FD) substance and is known to be an Endocrine Disruptor.

Previously, latest date for application and sunset date for authorization were November 27th, 2023, and May 25th, 2023, respectively.

With the new regulation, these deadlines will be extended until January 1st, 2029, for latest application date and July 1st, 2030, for sunset date for application.

This means that producers which want to have DEHP inside products have time until January 1st, 2029, to forward their request for authorization to use DEHP and have to receive a positive response by July 1st, 2030, otherwise their will not be allowed anymore to use it in their Medical Devices or In-vitro Diagnostics.

These new deadlines will allow stakeholders to manage properly registration of their devices and guarantee a full compliance with a better safety for the end-consumers.

For more information about the compliance of your Medical Device or In-vitro Diagnostic with all European regulations, contact our expert at chemsafe@chemsafe-consulting.com

 

Sources:

https://echa.europa.eu/en/authorisation-list/-/dislist/details/0b0236e1807e0026

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/PDF/?uri=OJ:L_202302482

Il Regolamento (UE) 2017/745 dei dispositivi medici si pone l’obiettivo di elevare gli standard di qualità e sicurezza dei prodotti. Tra gli aspetti maggiormente evidenziati nel Regolamento si trovano la biocompatibilità e la caratterizzazione chimica e fisica dei materiali. Questi elementi sono presenti anche nell’allegato I del documento, relativo ai requisiti generali di sicurezza e prestazione (Rgsp). Si tratta di un allegato fondamentale poiché, per dimostrare che un dispositivo è conforme al Regolamento, è necessario verificare di aver soddisfatto tutti i requisiti (per quelli non applicabili è richiesta una chiara giustificazione della non applicabilità). Di conseguenza, diventa centrale la scelta dei materiali e delle sostanze utilizzate in un dispositivo medico, in particolare dal punto di vista della tossicità.
Le valutazioni tossicologiche sono alla base dell’intero quadro normativo europeo in materia di sostanze chimiche, compresi i Regolamenti Reach e Clp; di regolamentazione dei biocidi, dei prodotti fitosanitari, dei cosmetici, degli alimenti; di legislazione riguardante le buone pratiche di fabbricazione per la cleaning validation e il controllo della presenza di impurezze in ambito farmaceutico, nonché in materia di regolamentazione dei dispositivi medici. Da qui la loro importanza.

La conformità dei dispositivi medici

Per dimostrare la conformità al Regolamento dei dispositivi medici il fabbricante può ricorrere ad alcune normative. Si tratta di specifiche tecniche, che in molti casi rappresentano una guida utile per progettare e valutare il proprio prodotto, ma che sono applicabili in modo volontario. Alcune di queste stesse normative sono armonizzate, quindi adottate a livello europeo. Questo significa che l’uso di tali norme conferisce presunzione di conformità ai requisiti del Regolamento. Nel contempo non si deve sottovalutare lo stato dell’arte generalmente riconosciuto, definito come l’insieme di tutti gli ultimi aggiornamenti scientifici disponibili. Questo mette in salvo le norme che periodicamente vengono sottoposte ad aggiornamento, in seguito agli aspetti sempre più restrittivi in termini di sicurezza introdotti dal Regolamento e che non sono ancora state armonizzate. In ogni caso è bene sottolineare che quello che deve essere legalmente rispettato è il Regolamento: la decisione di utilizzare o meno una norma spetta al fabbricante e non può essere imposta.

La valutazione biologica

I fabbricanti di dispositivi medici devono garantire la sicurezza dei loro dispositivi e devono ridurre al minimo i potenziali rischi (inclusi quelli biologici). La valutazione della sicurezza biologica dei dispositivi medici viene eseguita per determinare la potenziale tossicità derivante dal contatto dei materiali del dispositivo con il corpo. Questi non devono produrre effetti avversi locali o sistemici, essere cancerogeni o reprotossici. Una valutazione biologica deve essere condotta esclusivamente in linea con un processo di gestione del rischio. Si tratta di un processo continuo attraverso il quale un produttore può identificare i pericoli biologici associati al dispositivo medico, stimare e valutare i rischi, controllarli e monitorare l’efficacia del controllo.
La gestione del rischio è intesa come un processo iterativo e continuo, riguarda l’intero ciclo di vita di un dispositivo, che richiede un costante e sistematico aggiornamento.

La caratterizzazione chimica

L’attuale versione della norma sulla valutazione biologica (ISO 10993-1), evidenzia la caratterizzazione chimica come primo passo necessario per una corretta valutazione biologica. La caratterizzazione chimica si riferisce al processo di identificazione, caratterizzazione e conoscenza dei composti che possono migrare dal dispositivo medico ed essere biodisponibili per il paziente. Questi composti chimici sono spesso indicati come extractable (sostanze che potenzialmente possono migrare esponendo il materiale a condizioni esagerate o aggressive) e leachable (composti che possono potenzialmente migrare dal dispositivo in normali condizioni d’uso). Gli studi di extractable e leachable servono per studiare i componenti chimici potenzialmente rilasciati dal dispositivo medico a cui segue una valutazione del rischio tossicologico atta a consentire la valutazione della conformità per quello specifico utilizzo clinico.

Il rischio tossicologico

Esiste una norma specifica per la valutazione del rischio tossicologico di questi componenti chimici, la ISO  10993-17, il cui aggiornamento, estremamente recente, è stato pubblicato il 13 settembre 2023, a distanza di più di 20 anni dall’ultima versione. La prima differenza rispetto alla precedente versione è evidenziabile già dal titolo “Toxicological risk assessment of medical device constituents”, invece del ben noto “Establishment of allowable limits for leachable substances”. Questo cambio evidenzia il fatto che precedentemente si parlasse di valutazione del rischio solo per i componenti potenzialmente rilasciabili dal dispositivo (leachables), mentre ora si sottolinea la necessità di una valutazione del rischio tossicologico anche dei costituenti del dispositivo stesso. Lo standard include diagrammi di flusso schematici per dimostrare come la valutazione del rischio tossicologico si inserisce nel processo di gestione del rischio dei dispositivi medici e nelle attività di preparazione dei report di valutazione del rischio tossicologico.
Durante il processo di identificazione del pericolo, devono essere raccolte le informazioni tossicologiche sui costituenti chimici utilizzando più fonti, e devono essere identificati come punto di partenza (Pod) i valori, ad esempio, di No Observed Adverse Effect Level (Noael), Lowest Observed Adverse Effect Level (Loael) o benchmark dose (Bmd) derivanti da uno studio tossicologico pertinente in base all’endpoint da analizzare.
I criteri di selezione e ricerca devono essere documentati e giustificati. Devono essere valutate e stabilite l’affidabilità e la qualità dei dati. Quando le informazioni sulla tossicità della sostanza chimica non siano disponibili, può essere utilizzata per una valutazione read-across una sostanza chimica strutturalmente simile, ovvero un analogo, con adeguate informazioni sulla tossicità.

Le novità del nuovo standard

Lo standard rivisto presenta una nuova sezione sull’uso di un limite di screening tossicologico (Tsl) per i costituenti chimici che aiuta i valutatori del rischio a restringere il campo dei costituenti che richiedono una valutazione, risparmiando tempo e fatica. Inoltre, il nuovo standard fornisce criteri di accettazione del rischio per valutare il margine di sicurezza (margin of safety, MoS) per ciascun componente. Lo standard chiarisce, infine, gli scenari di rischio in cui è raccomandata una valutazione del rischio tossicologico e delinea metodi alternativi di mitigazione del potenziale danno. Dopo un’attenta caratterizzazione chimica e una valutazione del rischio tossicologico, si prosegue con la valutazione degli endpoint (e.g. irritazione; sensitizzazione; tossicità acuta) per esaminare la biocompatibilità del dispositivo.
La valutazione biologica del dispositivo medico, in modo sovrapponibile a quanto definito dallo standard di riferimento per l’analisi del rischio (ISO 14971), indica di ricorrere all’attività di testing solo se i dati e la letteratura disponibili sul dispositivo non sono sufficienti a coprire gli endpoint previsti dalla norma.
La norma introduce il piano di valutazione biologica (biological evaluation plan, Bep), ossia un insieme di attività che definiscono il profilo di biocompatibilità di un dispositivo in relazione al rischio biologico che rappresenta per l’utilizzatore finale, prendendo in considerazione tutti i dati disponibili e operando le opportune ricerche bibliografiche. Se le informazioni a disposizione sul dispositivo, con la relativa bibliografia di supporto, non sono sufficienti da sole a coprire gli endpoint indicati dalla norma, nel Bep viene proposto un opportuno piano di testing.
La produzione di un Bep robusto dal punto di vista scientifico, necessita di un team multidisciplinare con competenze e qualifiche trasversali, che comprenda sia il ramo regolatorio sia quello tossicologico.

Il Rapporto di valutazione biologica

Una volta eseguiti i test si procede con la stesura del Rapporto di valutazione biologica (biological evaluation report, Ber). Il Ber integra le considerazioni emerse nel piano (Bep) e verbalizza le conclusioni sulla biocompatibilità del dispositivo derivanti dall’esito dei test. Per condurre una buona valutazione del rischio di un dispositivo si deve procedere con uno step wise approach, si inizia con la definizione della categorizzazione, cioè con lo studio della natura e della durata del contatto del dispositivo con il corpo dell’utilizzatore. Successivamente, si procede alla caratterizzazione chimico-fisica, all’opportuna analisi della letteratura e all’eventuale conduzione di test.
Il processo di valutazione del rischio biologico non si conclude con lo sviluppo del Bep e del Ber, ma prosegue durante l’intero ciclo di vita del dispositivo, attraverso l’attività di sorveglianza post-commercializzazione. La valutazione del rischio deve, infatti, essere aggiornata sulla base delle nuove informazioni che diventano disponibili dal monitoraggio post-vendita, delle prestazioni dei dispositivi medici e della sicurezza nell’uso clinico.
In questo caso, così come per altri aspetti della documentazione tecnica (per esempio la valutazione clinica, l’analisi dei rischi, etc.), si ha un’evidenza concreta dell’importanza che i dati di utilizzo reale di un dispositivo medico hanno sul garantire che il mercato sia fornito di prodotti sicuri ed efficaci.
La documentazione tecnica di un dispositivo medico, al fine di risultare conforme alla normativa vigente, è un insieme complesso e variegato di dati che riunisce esperti di settori diversi (tossicologi, chimici analitici, regolatori, etc.). Proprio per questi aspetti è necessario mantenere le comunicazioni trasparenti e aperte tra tutte le parti coinvolte. Comprendere e implementare le nuove procedure sarà fondamentale per eseguire valutazioni del rischio tossicologico e biologico sempre più “high level”, al fine di soddisfare le richieste normative dei dispositivi medici.

La nuova versione della ISO 10993-17 è stata pubblicata il 13 settembre 2023 a distanza di piu di 20 anni dalla precedente versione. La prima differenza è evidenziabile già dal titolo “Toxicological risk assessment of medical device constituents” invece del ben noto “Establishment of allowable limits for leachable substances”.

Lo standard include diagrammi di flusso schematici per dimostrare come la valutazione del rischio tossicologico si inserisce nel processo di gestione del rischio dei dispositivi medici e nelle critiche attività di preparazione dei report di valutazione del rischio tossicologico.

Durante il processo di identificazione del pericolo, devono essere raccolte le informazioni tossicologiche sui costituenti chimici utilizzando più fonti, e devono essere identificati come punto di partenza (POD) i valori, ad esempio, di NOAEL, LOAEL o BMD derivanti da uno studio tossicologico pertinente in base all’endpoint da analizzare. I criteri di selezione e ricerca devono essere documentati e giustificati. Devono essere valutate e stabilite l’affidabilità e la qualità dei dati. Quando le informazioni sulla tossicità della sostanza chimica non sono disponibili, una sostanza chimica strutturalmente simile, ovvero un analogo, con adeguate informazioni sulla tossicità può consentire una valutazione read-across.

 

I nuovi concetti base:

Uno dei cambiamenti critici nella norma ISO 10993-17 è l’introduzione di un nuovo concetto: toxicological screening limit (TSL). Una TSL è una dose di esposizione cumulativa in un periodo di tempo specifico per un costituente identificato che non induce effetti significativi sulla salute. Un TSL è espresso in microgrammi al giorno. È possibile utilizzare il TSL per valutare se la quantità totale di un costituente chimico identificato è troppo bassa per produrre genotossicità, cancro, tossicità sistemica (ad esempio acuta, subacuta, subcronica, cronica) o tossicità riproduttiva o dello sviluppo. Non è necessaria alcuna valutazione del rischio tossicologico se la quantità totale di un costituente chimico è inferiore al TSL. L’obiettivo principale dell’attuazione del TSL è ridurre l’onere per i tossicologi e concentrare la valutazione del rischio tossicologico sui costituenti chimici potenzialmente dannosi. I TSL si applicano ai costituenti chimici identificati e alla quantità totale presente nel, su o estratta dal dispositivo medico.

La dose di esposizione (EED) è una quantità di sostanza chimica che entra in contatto con l’individuo in un tempo specificato. Dovrebbe riflettere la quantità massima di esposizione al costituente chimico a cui un individuo potrebbe esporsi (scenario peggiore) in base all’uso previsto del dispositivo medico. Le informazioni derivanti dai test sugli estraibili e dalla cinetica di rilascio dell’estraibile potrebbero aiutare a stimare una dose di esposizione clinicamente rilevante. I dispositivi applicabili a popolazioni di individui sensibili (come possono essere i bambini e i neonati) possono richiedere unulteriore arrangiamento della dose di esposizione basata sui pesi corporei che differiscono dalla media degli adulti. Se due o più costituenti chimici presentano la stessa tossicità per l’organo bersaglio, le singole dosi di esposizione stimate devono essere sommate. Una corretta progettazione degli studi di estrazione o rilascio è fondamentale per stimare la dose di esposizione clinicamente rilevante e per condurre una valutazione completa della tossicità.

Il margine di sicurezza (MoS) fornisce informazioni sul livello di sicurezza o rischio coinvolto con un costituente chimico. È il rapporto tra il livello di contatto tollerabile del costituente o l’assunzione tollerabile o la soglia di preoccupazione tossicologica rispetto alla sua dose di esposizione stimata. Se il MoS di un costituente chimico supera uno, cioè la dose di esposizione stimata rientra nel suo rischio tossicologico tollerabile, il costituente chimico non presenta alcun rischio significativo di danno alla salute individuale. Se il MoS di un costituente chimico è inferiore a uno, ciò non significa che il costituente chimico presenti un rischio diretto per la salute degli individui ma richiede ulteriori indagini e valutazioni.

 

Conclusioni:

Lo standard rivisto fornisce indicazioni sulla corretta conduzione delle valutazioni del rischio tossicologico per i costituenti estraibili e rilasciabili identificati negli studi di caratterizzazione chimica.

Una nuova sezione sull’uso di un limite di screening tossicologico (TSL) per i costituenti chimici aiuta i valutatori del rischio a restringere il campo dei costituenti che richiedono una valutazione, risparmiando tempo e fatica. Inoltre, il nuovo standard ora fornisce criteri di accettazione del rischio per valutare il margine di sicurezza (MoS) per ciascun componente. Lo standard chiarisce inoltre gli scenari di rischio in cui è raccomandata una valutazione del rischio tossicologico e delinea metodi alternativi di mitigazione del potenziale danno.

Per garantire la conformità normativa, oggi è ancora più importante mantenere le comunicazioni trasparenti e aperte tra tutte le parti interessate (tossicologi, chimici analitici, regolatori e altri) del dispositivo medico.

I fabbricanti e i valutatori del rischio tossicologico dovranno comprendere e implementare le nuove procedure per eseguire valutazioni del rischio tossicologico sempre più “high level” nelle future richieste normative dei dispositivi medici.

 

Riferimenti:

https://www.iso.org/obp/ui/en/#iso:std:iso:10993:-17:ed-2:v1:en

Harmonized Standards:

The Summary of the references of the harmonized European standards was published in the Official Journal of the European Union, in support of Regulation (EU) 2017/745 on medical devices and of Regulation (EU) 2017/746 on medical devices in vitro. New Commission Implementing Decision (EU) 2023/1410 has been released amending Implementing Decision (EU) 2021/1182 as regards harmonised standards for sterilization of health care products (EN ISO 25424:2019) and biological evaluation of medical devices (EN ISO 10993-10:2023).

 

For more information: https://health.ec.europa.eu/medical-devices-topics-interest/harmonised-standards_en

 

Unique Device Identifiers for contact lenses:

The EU Commission has published a Delegated Regulation amending Regulation (EU) 2017/745 of the European Parliament and of the Council, as regards the assignment of Unique Device Identifiers for contact lenses.

In order to resolve implementation issue and allow a proportionate UDI-DI (the identifier specific to a manufacturer and a device) data entries in Eudamed, the “Master UDI-DI” has been developed by the Commission. Master UDI-DI is intended as the identifier of a group of highly individualised devices (i.e. contact lenses) presenting specific similarities with respect to defined clinically relevant parameters. In the future the Master UDI-DI solution could be extended to a other highly individualised devices.

 

For more information: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=PI_COM:Ares(2023)2068096&utm_source=QualityMedDev&utm_campaign=6251345263-EMAIL_CAMPAIGN_2021_09_05_08_08_COPY_01&utm_medium=email&utm_term=0_7b44d626e2-6251345263-233168890&mc_cid=6251345263&mc_eid=f01fefd851

Il Comitato Scientifico per Sicurezza dei Consumatori (SCCS) è incaricato di valutare la sicurezza e i rischi associati ai prodotti di consumo non alimentari (cosmetici, giocattoli, tessili, prodotti per la cura della persona e della casa) e viene consultato dalla Commissione Europea qualora sorgano dubbi sulla sicurezza di uno o più ingredienti cosmetici.

 

Cosa sono le SCCS Notes of guidance for the testing of cosmetic ingredients and their safety evaluation:

Il Comitato, regolarmente, aggiorna le Notes of guidance, un documento contenente informazioni rilevanti sulla valutazione di sicurezza degli ingredienti e dei prodotti cosmetici. La 12a e ultima revisione è stata pubblicata il 16 maggio 2023 e va a sostituire l’11a revisione uscita circa un anno e mezzo prima.

Le Notes of guidance sono linee guida, per cui non è obbligatorio rispettare quanto riportato nella valutazione dei prodotti cosmetici. Tuttavia, rappresentano uno degli approcci maggiormente utilizzati nella stesura del Cosmetic Product Safety Report (CPSR) oltre che un’importante fonte di dati per ciò che riguarda il calcolo dell’esposizione ai prodotti cosmetici. Inoltre, qualora vi sia la necessità di fornire dati all’SCCS per la valutazione di un ingrediente, gli studi richiesti e il formato del report sono quelli indicati nel documento.

 

Novità della 12a Revisione:

Gli argomenti sviluppati nella nuova revisione sono:

  • Importanza della revisione sistematica della letteratura;
  • Aggiornamento dei metodi alternativi
  • Importanza dell’Adverse Outcome Pathway (AOP), dei Defined Approaches (DAs), degli Integrated Approaches to Testing and Assessment (IATA), del Next Generation Risk Assessment (NGRA) con le definizioni di Bioacivity Exposure Ratio (BER), Threshold of Toxicological Concern (TTC) e di internal Threshold of Toxicological Concern (iTTC)
  • Aggiornamento sui possibili metodi di predizione in silico
  • Revisione dei dati di esposizioni, in particolare i modelli, i parametri specifici per la via inalatoria e l’esposizione aggregata
  • Esposizione dei bambini ai prodotti cosmetici secondo l’età
  • Razionale dei dati di esposizione ai prodotti solari
  • Human biomonitoring (HBM) e differenze con l’approccio al risk assesment dell’SCCS
  • Obblighi di segnalazione per le sostanze cancerogene, mutagene e reprotossiche (CMR)
  • Sostanze attive endocrine, introduzione della non-monotonic dose response e obblighi di segnalazione
  • Template per il modello descrittivo del Physiologically Based ToxicoKinetics, analisi e verifica dei parametri

In generale, si può notare una maggiore attenzione riguardo l’utilizzo di metodi alternativi e la predizione in silico, trend già presente nelle precedenti revisioni; ed una maggiore attenzione riguardo la valutazione delle sostanze classificate come Endocrine Disruptor. Si evidenzia, inoltre, l’inserimento di una nuova sezione dedicata all’esposizione dei prodotti cosmetici nei bambini, in particolare ai potenziali fattori di rischio da tenere in considerazione.

 

Il documento originale può essere consultato al presente link: https://health.ec.europa.eu/latest-updates/sccs-notes-guidance-testing-cosmetic-ingredients-and-their-safety-evaluation-12th-revision-2023-05-16_en

 

Cos’è il MoCRA?

MoCRA è l’acronimo di Modernization of Cosmetic Regulation Act. Questo atto era contenuto all’interno del Food and Drug Ominibus Reform Act, firmato a fine dicembre 2022 dal Presidente degli Stat Uniti d’America.

Per quanto riguarda i prodotti cosmetici, è la prima modifica sostanziale del regolamento americano a partire dal 1938. Questa modifica viene definita sostanziale poiché introduce degli obblighi per i produttori e rafforza il potere d’intervento della FDA

 

La legislazione prima del MoCRA

Attualmente i prodotti cosmetici all’interno del mercato degli Stati Uniti d’America sono regolamentati dal capitolo VI del Federal Food, Drug, and Cosmetic Act e l’organismo regolatorio responsabile è la Food and Drug Administration (FDA).

Il regolamento corrente non prevede la registrazione di prodotti cosmetici, se non su base volontaria tramite il Voluntary Cosmetic Registratiton Program (VCRP) e non garantisce alla FDA l’autorità di ritirare prodotti non sicuri dal mercato. Tuttavia la FDA può chiedere ad un’azienda di ritirare volontariamente dal mercato un prodotto che sia risultato non sicuro.

Sempre su base volontaria è la produzione seconde le GMP cosmetiche, la cui adozione è raccomandata dalla FDA ma non obbligata, e la segnalazione di effetti avversi da parte dei produttori.

Infine non è obbligatorio fornire in etichetta informazioni dettagliate sugli ingredienti utilizzati come fragranze e non è obbligatorio svolgere test di sicurezza per il prodotto cosmetico.

 

Le novità introdotto dal MoCRA

A partire dal 29 dicembre 2023 entrerà in vigore il MoCRA e verranno introdotte le seguenti novità per quanto riguarda i prodotti cosmetici che verranno resi disponibili sul mercato statunitense:

  • La FDA avrà il potere di ritirare dal mercato prodotti cosmetici non considerati sicuri;
  • I produttori dovranno registrare gli stabilimenti di produzione e i prodotti cosmetici e dovranno inoltre segnalare ogni evento avverso riscontrato alla FDA;
  • In etichetta dovrà essere fornito un recapito che permetta ai consumatori di segnalare eventuali effetti avversi;
  • I produttori dovranno condurre test di sicurezza sui prodotti finiti e fornire queste informazioni alla FDA qualora vengano richieste
  • I produttori avranno l’obbligo di lavorare nel rispetto delle GMP

Invece, a partire dal 29 dicembre 2024, sarà obbligatorio per i produttori indicare in etichetta gli allergeni presenti all’interno delle fragranze utilizzate.

La responsabilità riguardante la registrazione del prodotto, la conservazione dei dati sugli eventi avversi, la fondatezza delle informazioni di sicurezza, l’etichettatura, la presenza di allergeni in etichetta e l’accesso alle informazioni di sicurezza delle fragranze ricadrà tutta sulla Persona Responsabile.

Altre scadenze e aggiornamenti

Anche la FDA avrà delle scadenze da rispettare:

  • Entro il 29giugno 2024 dovrà essere presentato un nuovo regolamento su test standardizzati per rilevare la presenza di amianto in prodotti contenenti talco;
  • Entro il 29dicembre 2025 dovrà essere promulgato un nuovo regolamento riguardante le GMP;
  • Entro il 29 dicembre 2025 dovrà essere effettuata una valutazione delle evidenze scientifiche e dei rischi riguardanti l’uso di PFAS all’interno dei prodotti cosmetici.

 

In conclusione…

Come già detto precedentemente, il MoCRA è una modifica rilevante al regolamento cosmetico statunitense che fornirà maggiori poteri alla FDA e implicherà maggiori responsabilità per i produttori di cosmetici, cambiando nettamente l’approccio delle aziende al mercato USA.

 

Maggiori informazioni possono essere trovate sul sito della FDA (https://www.fda.gov/cosmetics/cosmetics-laws-regulations/modernization-cosmetics-regulation-act-2022) oppure potete scriverci a chemsafe@chemsafe-consulting.com.

Dal 1° gennaio 2021 è ufficialmente entrato in vigore il nuovo regolamento cosmetico cinese, il Cosmetic Supervision and Administration Regulation (CSAR), che stabilisce i nuovi requisiti per la vendita di prodotti e ingredienti cosmetici all’interno del mercato cinese, fra quelli con il volume d’affari e la crescita maggiore nel settore beauty.

Il focus principale del nuovo regolamento è la garanzia di una maggiore sicurezza del prodotto finito tramite una serie di step di registrazione e controllo pre-market.

L’autorità competente per il mercato cinese è la National Medical Product Administration (NMPA)

 

Definizioni

Con l’entrata in vigore del CSAR è stata introdotta anche una nuova definizione di prodotto cosmetico, ovvero: un prodotto chimico industriale di utilizzo quotidiano applicato su pelle, capelli, unghie, labbra e altre superfici corporee per strofinamento, mediante spray e altri metodi simili con lo scopo di pulire, proteggere, abbellire e modificare.

I prodotti cosmetici finiti vengono a loro volta divisi in prodotti “speciali” (coloranti e permanenti per capelli, prodotti per la rimozione delle lentiggini, prodotti anti-caduta, protezioni solari e qualsiasi prodotto con nuove proprietà) e prodotti cosmetici ordinari.

 

Registrazione

Il CSAR richiede di registrare i prodotti cosmetici prima dell’immissione in commercio, fornendo anche le informazioni tossicologiche di sicurezza. L’iter di registrazione varia a seconda della tipologia di prodotto: per i prodotti ordinari la revisione tecnica del report potrà essere effettuata a campione dopo la messa in commercio, mentre per i prodotti speciali verrà effettuato un controllo da parte dell’NMPA prima della messa in commercio, dilatando ovviamente i tempi di autorizzazione.

 

Ingredienti

Anche per quanto riguarda gli ingredienti cosmetici bisogna presentare un report sulla sicurezza.

Quando si vuole utilizzare un ingrediente cosmetico per la produzione di cosmetici destinati al mercato cinese, per prima cosa bisogna verificare se l’ingrediente è presente sull’Inventory of Existing Cosmetic Ingredients in China (IECIC), una lista degli ingredienti cosmetici già autorizzati dall’autorità competente cinese. Se l’ingrediente è presente nella lista, sarà sufficiente fornire le informazioni di sicurezza. Nel caso l’ingrediente non sia presente e quindi classificato come “nuovo”, verrà richiesto al responsabile per la sicurezza dell’ingrediente di registrarlo sulla piattaforma dell’NMPA. L’ingrediente verrà successivamente sottoposto ad una sorveglianza post-market della durata di 3 anni. Nel caso non dovessero sorgere problematiche inerenti alla sicurezza, l’ingrediente verrà aggiunto all’IECIC.

Sia che si effettui la registrazione di un ingrediente già esistente o di un ingrediente “nuovo”, la piattaforma fornirà un codice univoco. Questo codice potrà servire successivamente al produttore del prodotto finito durante la registrazione di quest’ultimo qualora il fornitore dell’ingrediente non voglia fornire le informazioni di sicurezza  e si occupi direttamente lui della registrazione dell’ingrediente cosmetico. In questo modo potrà mantenere la riservatezza delle informazioni poiché queste saranno visualizzabili solo dall’NMPA

 

Come fare per essere in compliance

A livello pratico la piattaforma per la registrazione dell’NMPA è disponibile esclusivamente in cinese e nella stessa lingua devono essere fornite le informazioni di sicurezza. Inoltre le società non cinesi devono fornire la licenza commerciale tradotta e farla autenticare dall’ambasciata cinese locale. Infine è richiesta anche una persona responsabile stabilita in Cina, che può anche essere nominata tramite delega.

Tutti questi requisiti possono essere un ostacolo per le società europee; perciò, è fondamentale affidarsi al supporto di esperti. Chemsafe, tramite i suoi partner internazionali, può fornire supporto e consulenza per adempire a ognuno di questi requisiti.

 

Se volete saperne di più non esitate a contattarci a chemsafe@chemsafe-consulting.com.

Cos’è il Payback…spieghiamolo in maniera chiara e semplice:

Il 15 settembre 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto-legge 115/2022 del Ministro della Salute e del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) che certifica il superamento del tetto di spesa dei dispositivi medici pari al 4,4% del Fondo Sanitario Nazionale (FSN) per gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018.

Oggi ai fornitori di dispositivi medici viene chiesto di rimborsare il 50% del superamento degli scostamenti dal tetto di spesa regionale. Il tetto di spesa è una norma sviluppata nel2011, con lo scopo di definire un limite di spesa per i dispositivi medici, a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN). Tale limite viene stabilito attraverso decreti ministeriali di anno in anno. La stessa norma ha stabilito, inoltre, che in caso di sforamento dei tetti, gli eventuali ripiani avrebbero dovuto essere a carico delle Regioni che avessero concorso allo sforamento. Solo successivamente, nel 2015, è stato previsto che una parte dello sforamento del tetto per l’acquisto dei dispositivi medici venisse posto a carico delle aziende fornitrici, introducendo così il cosiddetto payback.

La normativa del payback sui dispositivi medici è l’equivalente del payback sulla spesa farmaceutica esistente dal 2008 che però non ha tenuto conto della differenza che esiste tra questi due mondi.

Inizialmente il decreto 115/2022 prevedeva che le aziende fornitrici di dispositivi medici ripianassero il superamento del tetto di spesa posto a loro carico per gli anni 2015-2018, effettuando i versamenti in favore delle singole regioni e province entro la prima metà di gennaio 2023. Il 10 gennaio il Governo ha, però, ufficializzato lo spostamento della scadenza al 30 aprile. Un ulteriore slittamento è quasi certo, per avere il tempo di trovare e attuare una soluzione opportuna.

Riguardo alla tematica del payback, così attuale e preoccupante, si stanno sviluppando numerose occasioni di confronto e discussione, tra cui uno dei più recenti è stato il convegno di Confindustria dispositivi medici tenutosi il 21 febbraio. Durante questa giornata la giornalista Barbara Gobbi ha letto un messaggio inviato dal Ministero della Salute firmato da Orazio Schillaci, il quale afferma: “La questione del payback dei dispositivi medici va affrontata con azioni che tengano conto della situazione attuale al fine di individuare soluzioni condivise”.

Con tutti gli attori occorre valutare il peso del payback e con le Istituzioni dialogare e trovare soluzioni per oggi e per domani”, questo è il messaggio con cui chiude la sua introduzione al convegno Vasco Giannotti Presidente Forum Risk Management in Sanità.

 

Come si traduce in termini basilari e nella vita quotidiana:

Il payback mina l’esistenza di numerose realtà produttive e mette letteralmente a rischio il Sistema sanitario nazionale, da sempre visto come un sistema solido e da cui prendere esempio.

Dispositivi salvavita, strumenti per dialisi, valvole cardiache, protesi e ferri chirurgici sono solo alcuni dei dispositivi medici che potrebbero arrivare a mancare.

Il problema non è, quindi, solo dell’Industria, infatti con budget limitati e vincolati gli operatori sanitari non avranno più innovazione, si punterà all’acquisto di materiale meno performante ed efficiente, i medici svolgeranno il loro lavoro con tecnologie sempre più datate e sicuramente non al passo con l’innovazione tecnologica, e ancor più di oggi si assisterà ad un esodo di professionisti della salute, chi vorrà rimanere lavorando con prodotti sempre meno attuali? Come in un domino, coloro che non potranno più accedere ad un servizio di cura minimo gratuito e accessibile saranno proprio tutti i cittadini italiani. Macchinari vecchi necessiteranno di maggiore manutenzione, determinando una dilazione dei periodi di fermo della strumentazione, che si tradurrà nell’allungamento delle liste d’attesa per eseguire esami strumentali, fondamentali e spesso salvavita se svolti con le giuste tempistiche.

Proprio oggi che il quadro scientifico sottolinea come la medicina moderna insieme con i dispositivi medici innovativi stanno determinando un allungamento della vita e nel 2030 il 60% degli italiani sarà over 60: sulla base di quello che sta accadendo oggi come affronteremo un domani la sempre più crescente necessità di dispositivi?

La pandemia ha ampiamente insegnato e dimostrato come sia determinante l’investimento sulla salute.

Quello che emerge dai vari tavoli di discussione è che le Imprese sostengono come unica soluzione la cancellazione del payback.

 

Conclusioni:

La normativa del payback è stata approvata anni fa ed è rimasta lì ferma a sedimentare per anni ed è riemersa nel momento in cui le Regioni si sono ritrovate al collasso a causa delle spese sostenute per la pandemia da Covid-19.

L’introduzione del payback nel mondo dei dispositivi medici, per quanto sulla carta possa sembrare far tornare i conti dello Stato, nella pratica rischia di tradursi in una misura con conseguenze a lungo termine irreparabili, non solo per il mondo industriale, ma soprattutto per i cittadini.

Gli esponenti del Governo che hanno partecipato al Convegno di Confindustria hanno affermato che l’obiettivo ideale sarebbe l’eliminazione del sistema dei tetti di spesa, ma ovviamente questa soluzione non sembra praticabile date le tempistiche richieste, i fornitori dovrebbero, infatti, saldare il conto delle regioni entro aprile. Le uniche alternative realistiche potrebbero essere alzare il tetto di spesa oppure posticipare, una terza volta, i termini previsti per il pagamento.

Restiamo in attesa della soluzione, che per ora pare ancora lontana. Dialogo e confronto tra gli attori sono le uniche armi da tenere in considerazione per affrontare questo problema.